Guestbook



7 commenti:

  1. Obiettivamente è stata un'intervista... divertente! Ne facciamo...un'altra???

    RispondiElimina
  2. Prof., grazie a Lei quest'anno saremo tutti un po' britteniani. Buon anno, da Federica

    RispondiElimina
  3. Questo meraviglioso libro non parla soltanto di Benjamin Britten. Racconta anche della raggiante umanità di chi l'ha scritto. Congratulazioni, professore! Come sempre la Sua penna ricama!

    RispondiElimina
  4. Quello che proprio non capisco è: hai una scrittura densissima di contenuti, ogni rigo contiene un'infinità di informazioni e non gira mai a vuoto attorno ai concetti... eppure ogni tuo libro lo leggo in un soffio, come se il periodo fosse stregato e costringesse il lettore ad andare avanti per forza senza fermarsi... mi spieghi sta cosa? Adriano

    RispondiElimina
  5. Congratulazioni per il libro su Britten. è una pietra miliare della musicologia italiana. In particolare il paragrafo sul Giro di vite è sconvolgente. HG

    RispondiElimina
  6. Siete tutti molto gentili. Grazie

    RispondiElimina
  7. A me personalmente piace l'autoironia del tuo blog. Invece di quei ridicoli e noiosissimi curricula che mettono tutti (e che ormai compaiono anche su wikipedia come pagine pseudoenciclopediche) la pagina di Biografia fa la differenza da tanti di quei professoroni. Hai proprio ragione: mangiano fumo e evacuano vento!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.